giovedì 9 agosto 2012

Lo Storiaio racconta: La sua emozione nell' 'Eremo di Ischia di Castro

Lo so che mi aspettavi,
sono tornato e Ti racconto una storia:

E' la storia di ieri  quando  la luna era calante..

Maremma boncitta,
mi dai subito il pilotto e mi interromi! Se invece stai  zitto, io comincio Maremma muta!

Ero diretto verso la casa di un omino che vive ad  Ischia di Castro. Dovevo vendergli i lunai, si, quei  libretti utili a tutti i contadini!  .
Da Pitigliano o da Sorano mi sposto camminando , non sono mica vecchio e rammollitto sono solo 26-28km .

Avanzavo e intanto contavo i lunai  ancora  legati al mio bastone.
Cammina, cammina sono arrivato al ponte di San Pietro seguendo il percorso del Fiume Fiora .

                                Foto by Livia Ceccobelli  

Arrivato lì ho cambiato il mio programma e invece di continuare verso Ischia di Castro ho seguito il cartello che indica Poggio Conte.  Camminando nel bosco sono arrivato all'Eremo di San Colombano.
Quando la luna è calante, mi sento come un' anguilla.
Così, senza capire il perchè, sono arrivato nel luogo che vedi nella foto .
C'è una cascata e l'acqua scivola su un masso nero in fondo alla parete.
La roccia nera piramidale, termina a forma di triangolo.
Che Meraviglia fare il bagno qui!
Sai, per gli Etruschi queste acque erano sacre. Questo  era un luogo di culto per la salute, per la cura.
Mi chiedi perchè un  posto così bello è poco sconosciuto ?
Non lo so io!!
Ma,  sono contento come un Re.

Ricominci ?  Non siamo in Toscana ma siamo nel  Lazio!
Io non  conosco i confini, io vado...libero.
Questo è il mio territorio, lo conosco tutto e conosco le sue storie, non le separo mica!

Maremma boncitta, mi ci fai pensà, perchè un posto così bello non lo conosce nessuno?

Ho fatto il bagno sotto la cascata, ho toccato con le mani  la pietra nera..
L' odore della terra, delle foglie, delle piante e il sapore buono dell'acqua fresca
mi entravano nel naso, nella bocca.  Improvvisamenete poi , ho sentito La Musica!!
                                          Foto by Livia Ceccobelli 
Mi sono scombussolato. Ecco fatto, ho detto, sono morto e sono già davanti la Porta del Paradiso!
                                          Foto by Livia Ceccobelli  

Vicino alla cascata c'è una chiesa rupestre di età Templare.
Prossimi alla Chiesa,  due giovani suonavano strumenti a fiato mentre intorno non c'era nessuno.
Il loro pubblico era l' ambiente,  la sacralità del luogo, anch' io,  ma ero nascosto.
Io so un uomo,sono uno Storiaio, mica un so' un cittino, ti devo confessare però che ero commosso.
Sentivo un senso di pienezza, Maremma emozionata!
Questa è la storia di oggi.    

Foto by Livia Ceccobelli

Foto by Livia Ceccobeli 

                                   Foto by Livia Ceccobelli  
Posta un commento